Frutta di martorana

2015-10-01
Frutta di martorana

Le foglie gialle cadute sui viali ci ricordano che è autunno e questa è la stagione della “Festa dei morti”, una festività molto sentita in Sicilia che si festeggia il 2 novembre, durante la quale si ricordano i cari defunti e si regalano dolci e giocattoli ai bambini. Perché si chiama “Frutta di Martorana”? La storia è veramente curiosa e interessante. La tradizione racconta che il nome derivi dalle suore benedettine del convento della Martorana a Palermo, che per non far trovare al vescovo in visita il giardino spoglio e privo di frutti decisero di preparare dei coloratissimi dolci a forma di frutta che attaccarono agli alberi in cortile, facendo apparire il loro giardino ricco e rigoglioso anche d’inverno. Questi dolci nel tempo hanno acquisito così tanto successo da valicare le mura del convento e giungere anche alla corte del re, motivo per il quale  la frutta di martorana è anche detta “pasta reale”. Attualmente la frutta di martorana è un dolce che si trova nella maggior parte delle pasticcerie siciliane, da nord a sud, ma è anche un dolce che continua ad essere preparato a casa dalle mamma per i propri bambini. Le forme più tradizionali sono la castagna, il melograno, il fico e il mandarino; col tempo però i pasticceri si stanno sbizzarendo con le forme più svariate. Provate la ricetta che oggi vi proponiamo e create anche voi i frutti e le forme che più vi piacciono! Inoltre, si tratta di dolci senza uova e senza latte che non prevedono nessuna cottura in forno! Infine, se non amate molto lo zucchero potete diminuire la dose di zucchero a 400-450 g, esaltando maggiormente il sapore delle mandorle e se non avete modo di trovare le mandorle sgusciate e preferite velocizzare i tempi potete acquistare la farina di mandorle. Per colorare la frutta di martorana avrete bisogno di acquistare – al supermercato o nei negozi per pasticceri – i colori alimentari in polvere. La frutta di martorana si mantiene abbastanza a lungo, dunque raddoppiate anche la dose se siete golosi!

Ingredienti

  • 500 g di mandorle pelate
  • 500 g di zucchero
  • 125 ml di acqua
  • 1/2 fialetta di aroma alla vaniglia
  • Qualche goccia di aroma di mandorle amare
  • Colori alimentari

Preparazione

Step 1

Con un frullatore ridurre le mandorle in farina. Versare in una pentola l'acqua e far sciogliere lo zucchero a fuoco lento. Spegnere prima che arrivi a ebollizione e aggiungere l'aroma di vaniglia (facendo attenzione a non esagerare) e la farina di mandorle. Mescolare in modo energico, fino ad ottenere un impasto asciutto che si stacchi facilmente dalle pareti della pentola.

Step 2

Lasciare intiepidire l'impasto per qualche minuto; successivamente, su di un piano asciutto, amalgamare con le mani tutti gli ingredienti fino ad ottenere un impasto liscio e compatto. Modellare l'impasto con le mani o con le formine. Infine, lasciare raffreddare le vostre creazioni almeno 2-3 ore, prima di colorarle con i colori alimentari scelti a piacimento.

Immagine con licenza (CC BY-SA 2.0) di Wim Kristel

Valutazione Media

(5 / 5)

5 5 1
Rate this recipe

1 persona ha valutato questa ricetta

Ricette Correlate:
  • Buchteln

    Buchteln

  • Castagnaccio alla toscana

    Castagnaccio alla toscana

  • Maritozzo

    Maritozzo

  • Pagnotta pasquale di Sarsina

    Pagnotta pasquale di Sarsina

  • Cuddura di pasqua

    La Cuddura cu’ l’ova

Commenta questa ricetta